Questo bizzarro scooter elettrico da corsa va veloce come un’auto

 

Non molte persone vorrebbero raggiungere velocità superiori a 100 km / h su un dispositivo di trasporto senza roll-bar, completamente aperto agli elementi e su ruote da 6,5 ​​pollici che viaggiano a pochi centimetri da terra. Questo è, tuttavia, ciò che chiunque intraprende un viaggio con uno scooter elettrico da corsa eSkootr S1X può aspettarsi con impazienza.

Per darti un confronto su come eSkootr S1X si confronta con i modelli ricreativi, la velocità massima del nostro scooter elettrico preferito è francamente più che sufficiente di 15,5 mph.


L’eSkootr S1X è stato creato per il pianificato eSkootr Championship (eSC) che inizierà verso la fine dell’anno. Le gare si svolgeranno su circuiti appositamente costruiti – giunture di cemento e crepe nella pavimentazione non sarebbero sufficienti a queste velocità su una corsa con ruote da 6,5 ​​pollici – nei parchi cittadini, nelle strade o all’interno degli stadi.


eSkootr
CONTINUA A LEGGERE
L’EQA Mercedes è più deludente che elettrizzante

L’EQA Mercedes è più deludente che elettrizzante
7/10
Di CURTIS MOLDRICH

eSC afferma che questi circuiti saranno lunghi da 400 metri a un chilometro e che le gare saranno basate sul calore della durata di otto-dieci minuti ciascuna. Sei corridori per batteria si sfideranno, o scaleranno, per un posto nella finale che dovrebbe quindi includere un totale di dieci corridori in competizione per la vittoria.

Proprio come con la Formula E, dove per le prime due stagioni i team hanno dovuto utilizzare un’auto da corsa standardizzata che potevano poi modificare e perfezionare, l’eSkootr S1X è inteso come lo scooter iniziale ‘stock’, quindi nelle stagioni successive sarà consentito agli sviluppatori esterni per inviare le proprie corse.

Ad alimentare l’S1X sono due motori da 6kW, uno su ciascuna ruota, che sono stati sviluppati appositamente per il prototipo da corsa e sono alimentati da una batteria da 24Ah con capacità di 1,33kWh. L’e-scooter ha un telaio in fibra di carbonio e un gruppo anteriore e posteriore in alluminio e pesa 35 kg, ma ha freni a disco idraulici per combattere le velocità che può produrre. Per quanto riguarda le curve, eSC afferma che questo modello può inclinarsi fino a 50 gradi se il guidatore è abbastanza coraggioso.


eSkootr
Con due motori separati che alimentano le ruote anteriori e posteriori, eSC aveva bisogno di sviluppare un sistema in cui il pilota potesse controllare la potenza poiché inviare troppo alla ruota anteriore durante le curve non sarebbe l’ideale per la stabilità. Di conseguenza, quando l’acceleratore è aperto, l’S1X fornisce una coppia leggermente inferiore al motore anteriore rispetto a quello posteriore, presumibilmente mantenendo stabile l’eSkootr durante l’accelerazione in uscita di curva.

L’erogazione di potenza è anche suddivisa in due modalità: un acceleratore a pollice convenzionale sul manubrio e un pulsante boost per la massima spinta lungo i rettilinei.

Per quanto riguarda la sicurezza della velocità su scooter elettrici da 100 km / h, eSC ha arruolato l’ex pilota di F1 e Le Mans Alex Wurz come loro “ ambasciatore della sicurezza eSC ” per aiutare a progettare le misure di sicurezza e i circuiti. Lo stesso S1X è dotato di un kill switch, che interrompe l’alimentazione allo scooter se il conducente si separa dalla sua corsa.

eSC ha anche nominato il consigliere di Formula 1 Andy Mellor come presidente della sua commissione per la sicurezza. Mellor è stato coinvolto nella F1 e nella sicurezza del motorsport per 20 anni come consulente della FIA e ha guidato il progetto per sviluppare il dispositivo di protezione frontale Halo ora montato su tutte le vetture di F1.

Tuttavia, il problema principale in questo momento con la prima serie di corse al mondo per scooter elettrici è raccogliere abbastanza squadre per competere. L’eSC ha firmato la Carlin Racing, che attualmente gareggia in Formula 2 e 3, e precedentemente in Formula E, ma ha bisogno di un totale di 10 team con 30 piloti per rendere il campionato praticabile.

Oltre a far progredire la tecnologia nella micro mobilità, uno dei presunti obiettivi principali della serie, secondo eSC il costo di ingresso “ accessibile ” al campionato – 400.000 sterline a stagione, meno della F3 – significa che si spera che saranno in grado di farlo. confermare presto altre squadre ufficiali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *